Stoccolma: sulle orme della Trilogia

Stoccolma by nightNon sei riuscito a staccarti dai tre libri di Stieg Larsson? Vorresti scrivere per Millennium? Il giornalista Mikael Blomkvist e la hacker Lisbeth Salander sono i tuoi eroi? Ecco i lviaggio che fa per te: Stoccolma nei luoghi della trilogia. Se vuoi farti portare senza dover pensare all'organizzazione è perfetta la passeggiata sulle orme di Stieg Larsson organizzata dal Museo Civico (Stadsmuseet), premiata con riconoscimenti e molto richiesta dai turisti. Il tour presenta fatti e storie ricche di suspense che collegano la Stoccolma della realtà con quella dei libri. Se invece preferisci andare alla scoperta da solo o in compagnia dei tuoi amici, acquista la cartina dei luoghi di Millennium che puoi trovare al Museo Civico. Sarà un'avventura percorrere le righe dei romanzi del tuo autore preferito. Da non perdere l'appartamento che Libeth Salander acquista in Fiskargatan 9. 21 stanze delle quali lei ne utilizza solo tre. In Bellmansgatan 1 abita Mikael Blomkvist, sulle colline di Söder. E' qui che si svolgono molti momenti importanti della storia. All'incrocio tra Götgatan / Hökens gatacentro dell’affollata Götgatan, si trova il luogo di lavoro di Mikael Blomkvist, la redazione della rivista Millennium. Nei libri è situata sopra la sede di Greenpeace. Infine Mellqvists kaffebar, Hornsgatan 78, il café di Södermalm frequentato da Mikael Blomkvist e dallo stesso Stieg Larsson. Lo scrittore era tra i suoi habitué mentre la redazione di Expo, la rivista per cui lavorava, si trovava al piano di sopra.

Se poi siete degli artisti più o meno affermati potrete alloggiare gratuitamente l'Hotel Clarion. Questo albergo ha infatti adottato la formula room for art. Voi prenotate, lasciate un vostro quadro, poesia o scarabocchio, compilate il modulo apposito e potrete dormire per una notte in camera doppia. Proprio come faceva il Chelsea Hotel di Manhattan, di cui l'albergo svedese cerca di raccoglierne l'eredità. 


21/06/2012 09:00:00
Autore: Melania Guarda Ceccoli

comments powered by Disqus