Trebesing, per una vacanza da favola nella verde Carinizia

Maerchen Wandermeile Trebesing

Nei fitti boschi e tra i verdi prati dell’Austria meridionale una passeggiata può portare in uno strano parco abitato da Cappuccetto Rosso e i sette nani, un grande drago, la strega e altri personaggi. Per arrivarci basta seguire il sentiero delle favole a Trebesing. E‘ questa l’atmosfera che si respira in questa parte della Carinzia, la regione austriaca più meridionale che confina con l’Italia e la Slovenia. Tutto a Trebesing è pensato per i più piccoli e le loro famiglie in modo tale che possano trascorrere uno o più giorni da favola, nel vero senso della parola.

Altersberg20Un sentiero di 3 km che in realtà è un comodissimo percorso facilmente accessibile diventa l’occasione per divertirsi nelle aree giochi, passare sul ponte sospeso, il più lungo della regione alpina, e trovarsi direttamente nella gola del drago, incontrare caprette, pony  e seguire tante attività organizzate appositamente per i più piccoli.

Un paese tranquillo, Trebesing, situato in un contesto naturale che definire rilassante sarebbe riduttivo. Oltre all’ottima esposizione e alle temperature più che gradevoli in una regione, la Carinzia, nota per essere la più soleggiata dell’Austria, Trebesing vanta una posizione ottimale anche sotto l’aspetto naturalistico.Altersberg22

Le due valli adiacenti, Maltatal e  Liesertal, con la cascata più alta della regione, due parchi nazionali e il vicino lago Millstättersee incorniciano perfettamente l’esperienza di una vacanza a Trebesing, offrendo l’occasione di fare escursioni al di fuori del piccolo mondo fatato. Volendo, si può anche partecipare alle numerose manifestazioni che fanno della Carinzia una regione vivace in cui non ci si può certo annoiare. Eventi di ogni tipo, da quelli musicali  e ai musei aperti di notte, alle feste gastronomiche dedicate al formaggio, alla polenta e al salame. Ce n’è davvero per tutti i gusti nell’offerta turistica della Carinzia che accontenta sia i  grandi che i piccini.


17/06/2012 09:00:00
Autore: Luciana Cattaneo

comments powered by Disqus