Vienna tra arte e storia

Vienna è così tante cose che è difficile da descrivere. Viene definita la capitale mondiale della musica senza contare poi gli splendidi castelli (se ne contano 27) e numerosi edifici storici (circa 150). E parlando proprio di castelli, partiamo dalla visita di due grandi meraviglie: Schönbrunn e il Belvedere. Nel primo rivivrete il periodo imperiale con Sissi a cavallo e gli scoiattoli che verranno a mangiarvi direttamente dalle mani. Nel secondo rimarrete estasiati dalle splendide opere di Klimt, Schiele e molti altri. Ma andiamo con ordine. Schönbrunn è l'ex residenza estiva, in arte barocca che si trova in mezzo ad uno splendido parco. Nella sala degli specchi suonò all'età di 6 anni Mozart, il bambino prodigio. Nel Museo delle Carrozze potrai seguire le orme di Sissi, seguita ed amata da turisti di tutto il mondo. Al Belvedere invece potrai ammirare il leggendario dipinto di Gustav Klimt "Il bacio" e i capolavori di Schiele e Kokoschka. Da non perdere poi la Hofburg, dove potrai vedere le camere private degli Asburgo. Immergiti nel loro mondo attraverso le sale per gli ufficiali dello stato maggiore imperiale, la grande sala delle udienze e la camera delle conferenze in cui si riunivano il consiglio dei ministri e il consiglio della corona. C'è anche lo studio dell’imperatore Francesco Giuseppe nonché il salotto e la camera da letto della sua consorte, oltre a numerosi saloni e ad una camera da bagno.

L'edificio gotico più importante è invece il Duomo di Santo Stefano, dove si trovano una serie di tesori artistici davvero unici e imperdibili come il mausoleo dell'imperatore Federico III, in marmo rosso, costruito dal 1467 al 1513 da Niclas Gerhaert van Leyden; il pulpito, creato da Anton Pilgram intorno al 1514/15; l'altare "di Wiener Neustadt", un trittico in stile gotico del 1447; il mausoleo del principe Eugenio di Savoia dell'anno 1754. Tutto il centro storico poi è stato dichiarato patrimonio storico e culturale dell'umanità dall'UNESCO. 


28/07/2012 09:00:00
Autore: Melania Guarda Ceccoli

comments powered by Disqus