Copenaghen: il mondo delle fiabe

nihavn copenaghenSplendida città tra le cui strade si respira un’atmosfera quasi incantata, Copenaghen, capitale della Danimarca, vi affascinerà con la vivacità dei suoi colori e la sapiente commistione di antico e moderno.

Nato come un piccolo borgo di pescatori, Copenaghen divenne, in seguito all’opera di fortificazione messa in atto dal Vescovo Nunziato nel 1167, uno degli scali portuali più importanti di tutta l’Europa.

Divisa storicamente in due Comuni, quello più esteso di Copenaghen e quello di Frederiksberg, la città danese è anche il luogo in cui sorge la residenza monarchica più antica del mondo.

Chi visita questa splendida città, non può certamente farsi sfuggire l’occasione di visitare una delle mete turistiche più note di tutto il territorio danese, ovvero il maestoso castello di Kronborg a Elsinore, luogo in cui il bardo Shakespeare ha ambientato una delle sue opere più conosciute, l’Amleto. 

La visita ai sotterranei vi farà rivivere la magia dei secoli passati e vi darà la possibilità di ammirare la statua dell’eroe nazionale Holger Danske, il quale, come il re Artù della leggenda britannica, tornerà in soccorso della Danimarca quando questa si troverà in grave pericolo.

Tra le tante attrattive offerte dalla città, il Parco di Tivoli è forse una delle più note e visitate; chiuso nei mesi più freddi (il periodo di apertura va da Aprile a Dicembre), il parco in questione è il luogo ideale per tutti quei turisti che vogliono immergersi completamente nella quotidianità di Copenaghen, passeggiando tra i viali del parco, ascoltando musica o magari ammirando i numerosi spettacoli di fuochi d’artificio che ogni estate illuminano il cielo della città.

Un soggiorno a Copenaghen non sarebbe completo senza una visita alla famosa statua della Sirenetta, celebre personaggio della fiaba dello scrittore Hans Christian Andersen, che dal 1909, anno in cui fu commissionata da un importante mecenate della città, getta il suo sguardo malinconico verso il mare.

 


02/02/2013 09:00:00
Autore: Marianna Norillo

comments powered by Disqus