Santiago del Cile: cosa non puoi perdere

Santiago del CileSantiago del Cile è una località di villeggiatura molto apprezzata da chi ama la tranquillità e desidera conoscere nuove usanze. Ogni angolo di questa cittadina, ricorda un pezzo di storia della capitale sud americana.

Appena arrivati a Santiago la prima meta è il parco del Cerro San Cristobal, raggiungendo la sommità, avrete la possibilità di vedere Piazza Andres Bello. Vi ritroverete avvolti dalla natura più incontaminata e avrete la sensazione di essere fuori dal mondo.

Dopo la visita al parco. potete visitare la Posada del Corregidor. Si tratta di un edificio risalente al 700, uno dei pochi resti del periodo coloniale, sopravvissuto al passaggio del tempo. La visita prosegue verso il Museo archeologico, qui potrete vedere con i vostri occhi, innumerevoli resti della storia del Cile, conoscendo tutti i dettagli di questa civiltà.

Antichi utensili e tessuti fanno da sfondo in questo museo antichissimo e d’inestimabile valore. La tappa successiva è il museo della storia naturale, dedicato a tutti gli appassionati di minerali e botanica. In compagnia di una guida esperta, vale la pena di integrare nel vostro percorso di visita, anche il Museo del Ahorro.

Al suo interno vengono gelosamente custoditi, oggetti della contabilità nazionale e testimonianze antichissime dell’evoluzione storica del paese. Preferite l’arte contemporanea? Anche sotto questo punto di vista, Santiago non vuole assolutamente deludervi.

La meta adatta a voi è il museo della solidarietà Salvador Allende, qui troverete opere davvero straordinarie e dalla bellezza esclusiva. Infine non lasciate Santiago del Cile, senza aver fatto una passeggiata nel suo cuore: Plaza De Armas.

Intorno a questa piazza, trovano spazio diversi edifici in stile coloniale, come l’elegante Posta o la Cattedrale settecentesca. Per raggiungere la piazza basta prendere la metropolitana e in pochi minuti, potrete scoprire i negozi e la zona di classe di Santiago.


22/01/2013 09:00:00
Autore: Marianna Norillo

comments powered by Disqus