Buenos Aires, al ritmo del tango

Palácio do Governo de Buenos Aires - ArgentinaBuenos Aires, capitale dell’Argentina,  con i suoi oltre 2 milioni di abitanti è una delle città più grandi dell’intero Sud America, oltre ad essere anche un importantissimo polo economico.

Fondata dagli spagnoli nel 1536, Buenos Aires ha stoicamente difeso il suo territorio da numerosi tentativi di invasione straniera, tra cui spiccano quelli degli inglesi agli inizi del XIX secolo.

Città di contaminazioni culturali per via delle numerose correnti migratorie giunte in Argentina a partire dalla seconda metà del XIX secolo, Buenos Aires conserva ancora oggi il fascino e le contraddizioni di quel melting pot di tradizioni che da quasi due secoli caratterizza la sua storia e che contribuisce a renderla unica nel suo genere.

Suddivisa in quartieri (barrios in lingua spagnola), Buenos Aires offre molte attrattive per i suoi turisti, sia che preferiate una visita più culturale, sia che decidiate di immergervi nel rocambolesco “caos” della sua vita notturna.

Tra i luoghi di maggiore interesse storico, troviamo la celebre Plaza de Mayo, vero e proprio cuore politico e storico non solo di Buenos Aires ma dell’intera Argentina. Splendido anche il Teatro Colon, dove è possibile effettuare dei tour guidati a pagamento con delle guide esperte che vi narreranno la storia di questo maestoso teatro che niente a da invidiare ai più rinomati palcoscenici europei.

Per coloro che, neppure in vacanza, riescono a rinunciare allo shopping, è vivamente consigliata una visita nella Recoleta, zona alla moda dove potrete effettuare i vostri acquisti nei negozi più chic di tutta la capitale, concedendovi magari un cocktail in uno degli eleganti bar che caratterizzano questo spicchio di Buenos Aires.

Parlare di Buenos Aires senza menzionare il tango è davvero impossibile; in ogni momento dell’anno, la città offre spettacoli teatrali, manifestazioni all’aperto e scuole dove insegnanti sempre disponibili saranno lieti di accogliere tutti quei turisti desiderosi di apprendere questa sensuale danza da coloro che veramente ce l’hanno nel DNA. 


15/03/2013 09:00:00
Autore: Marianna Norillo

comments powered by Disqus