New Mexico: in viaggio nella terra dei nativi d'America

Taos Pueblo (Taos County, New Mexico) Il New Mexico è solitamente noto per le sue distese aride, gli immensi spazi rocciosi color rosso, arancio e marrone che creano affascinanti disegni e per il tipico clima asciutto e inospitale. Ma è anche un Paese che presenta inaspettati scenari montuosi, con rilievi innevati gran parte dell'anno, rigogliose foreste e folti boschi che costeggiano il fiume Colorado. E' il luogo in cui le radici dell'intera America risultano meglio preservate e questo gli conferisce un fascino e un mistero tutto particolare. La lingua ufficiale è lo spagnolo che si affianca all'inglese.

Chief Philip Howard, American IndianLa capitale, Santa Fè, è la città più antica degli Stati Uniti e tra le più pittoresche. Il panorama è da sogno, con i colori giallo ocra delle sue caratteristiche abitazioni squadrate, fatte di argilla, sabbia e acqua. Nella piazza principale è possibile acquistare prodotti di artigianato in ceramica e gioielli degli indiani d'America. Da visitare anche le cattedrali, quella dedicata a San Francesco d'Assisi, la Loretto Chapel e la Cristo Rey Church. Da non perdere anche la Rodeo de Santa Fe, l'arena che a Luglio ospita le esibizioni dei migliori cowboy d'America, intenti a domare cavalli e tori selvaggi. A Nord di Santa Fe è possibile visitare ben 19 "Pueblos", le riserve dei nativi d'America. La più conosciuta, Taos Pueblo, patrimonio dell'Unesco, è un insediamento indiano millenario tutt'ora abitato dalla popolazione indigena dedita all'agricoltura, all'allevamento e alla vendita di prodotti di artigianato. All'ingresso della riserva si trovano i ruderi dell'antica chiesa dove furono trucidati centinaia di indiani dalla Cavalleria Americana che così vendicò l'uccisione del loro Governatore.

La seconda città per importanza è Albuquerque, situata a cavallo del Rio Grande. Da vedere la Old Town Plaza, con la sua caratteristica atmosfera spagnola e indiana che riemerge dalle vecchie chiese, come quella dedicata a San Filippo Neri, dai tortuosi sentieri di mattoni, dai numerosi negozi e ristorantini. All'Indian Pueblo Cultural Center e al Petroglyph National Monument è possibile conoscere costumi e arte degli antichi indiani. Ideale per tutta la famiglia è l'Albuquerque Biological Park, con al suo interno lo zoo, l'acquario e il giardino botanico. Consigliabile anche un giro sul Sandia Peak Aerial Tramway, la funivia che offre affascinanti panorami della città.

Se avete ancora tempo vale la pena di fare una breve deviazione a Gallup, il centro commerciale più importante della vicina riserva Navajo, dove potrete acquistare gioielli in argento e in turchese tipici dei nativi. Ogni anno, ad Agosto, si tiene la "Inter-tribal Indian Ceremonial", una festa dove si incontrano indiani navajo, apache e mescalero ed è possibile assistere a spettacoli ed eventi culturali (http://indiancountrynm.org/events.aspx).

Infine, una delle maggiori attrattive a livello naturalistico è costituita dalle White Sands, all'interno del White Sands National Monument. Vi troverete di fronte una spettacolare distesa bianca di microcristalli lucenti, un deserto di gesso puro, il più esteso al mondo. E' una sensazione indescrivibile, come essere sulla Luna, un panorama che toglie il fiato.


 


24/06/2013 09:00:00
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus