Islanda da favola

Boat trip - Reykjavik Bay (Iceland)

Di Laura Tirloni - Gli esperti delle più importanti testate giornalistiche del settore viaggi, quali Lonely Planet, Fodor's, Michelin, Travel e altre indicano l'Islanda come uno dei 10 luoghi al mondo assolutamente da non perdere. Non è difficile intuirne il motivo. L'Islanda incanta. Chi ha avuto la fortuna di visitarla, chi ne legge, chi la ammira ritratta in immagini.

Il clima del tutto particolare e la natura hanno dato vita a uno degli scenari più belli del pianeta. Nonostante il nome “Iceland” farebbe pensare alla terra dei ghiacci, l'Islanda non è poi così fredda. Le estati sono solitamente miti e soleggiate, grazie al contributo della corrente del golfo che riscalda una parte delle regioni nordatlantiche. L'Islanda è terra di attrazioni naturali, ma anche storiche e culturali ed offre itinerari per tutti i gusti: iceberg, scogliere, ghiacciai, vulcani, fiordi, piscine geotermali, cascate, verdi vallate, fauna marina strepitosa che spazia dalle pulcinelle di mare alle più ingombranti balene. Se non bastasse, pittoreschi villaggi di pescatori e città dal sapore internazionale. Da non dimenticare ovviamente, l'esperienza del sole di mezzanotte e l'Aurora Boreale islandese, da agosto a marzo.

Þingvellir National Park - Iceland

Partiamo con il Golden Circle, un percorso circolare che dalla capitale Reykjavik raggiunge: le Cascate di Gullfoss, le più famose d'Islanda e tra le maggiori d'Europa che col sole creano inaspettati giochi di arcobaleni; il Þingvellir, il parco più antico del Paese, dichiarato Patrimonio dell'Umanità UNESCO, famoso per ospitare la faglia di Almannagiá. E' il luogo che nel 930 d.C ospitò la sede del primo Parlamento eletto nel mondo, composto dai capi delle tribù vichinghe.

Altro luogo imperdibile è costituito dalla Laguna Blu, area geotermale, simbolo turistico e naturalistico d'Islanda. Si tratta di un piccolo lago termale dalle acque fumose, con sali di silice e alga blu, prodotto da formazioni laviche, il tutto inserito in ambienti futuristici.

Iceland, Blue Lagoon - by Stef

Mete di interesse sono anche il Parco Nazionale di Vatnajökull, uno dei più suggestivi al mondo; ospita l'imponente ghiacciaio di Vatnajökull e la Penisola di Snaefellnes, con il suo maestoso ghiacciaio vulcanico. Giulio Verne scelse questo luogo per il suo noto racconto Viaggio al centro della terra, affascinato dalle antiche leggende islandesi. Qui si possono ammirare anche sorgenti termali, innumerevoli cascate e grotte laviche.

Altra destinazione popolare soprattutto tra gli escursionisti è costituita dal Landmannalaugar, con montagne di riolite e campi di lava; le più famose sono la Bláhnúkur e la Brennisteinsalda, ma la vallata è ambita anche dagli amanti di itinerari a cavallo.

In Islanda non mancano ovviamente i fiordi. Quelli della costa a nord-ovest sono i più spettacolari. Tra le scogliere più imponenti troviamo la scogliera di Latrabjarg, nel punto più a ovest d'Europa. Da queste parti la natura è spettacolare e il paesaggio marino è costituito da fondali poco profondi, fiordi, baie e innumerevoli isole. Non si manchino quelle di Brokey e di Flatey. Quest'area ospita le scogliere più belle dell'isola, come quelle di Látrabjarg, dove si trovano colonie di pulcinelle di mare, gazze marine e urie.

Il Vulcano di Eyjafjöll, nella parte meridionale, è il più famoso nell'isola e non solo. Lo ricordiamo tutti, è proprio quello che creò non pochi problemi al traffico aereo di mezza Europa nella primavera 2010. Infine qualche parola merita anche il lago di Myvatn, una spettacolare distesa di fango bollente, crateri vulcanici che potrebbero appartenere facilmente al Pianeta rosso, banchi erbosi, uccelli acquatici e una ricca specie di anatre. Fiore all'occhiello dell'area sono le terme naturali di Myvath, il campo di lava di Eldhraun e l'area di Haverarond, il cui suolo è talmente caldo da andare in ebollizione.

L'Islanda è un Paese da favola, il paesaggio di un sogno, il desiderio di una vita.


 



01/08/2013 09:00:00
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus