Johannesburg, citta' di contrasti

Di Laura Tirloni - Johannesburg è la città con maggior numero di abitanti e vero centro industriale e finanziario del Sud Africa. Con la vicina Pretoria forma un’immensa metropoli che deve la sua crescita economica allo sfruttamento delle miniere d’oro, che ebbe inizio già nella metà del XIX secolo. Nonostante le innegabili influenze europee, Johannesburg è una città africana sotto tutti i punti di vista, con le sue contraddizioni, ma anche la sua potente carica di energia e vitalità.

Il territorio è molto esteso ed eterogeneo ed ospita zone lussuose e curate che si alternano e contrappongono a luoghi più poveri e meno sicuri, soprattutto per i turisti sprovveduti. Purtroppo, il tasso di criminalità, soprattutto in queste aree, rimane piuttosto elevato a causa del permanere di condizioni di elevata diseguaglianza sociale a carico di un'ampia fetta della popolazione, che vive ai margini, in estrema povertà. Per queste persone l’
apartheid non è mai finito. Al contrario, soprattutto nei quartieri della periferia nord di Johannesburg, il tenore di vita della popolazione è decisamente elevato.

Johannesburg

Le zone della città da visitare sono sicuramente quelle centrali, in primo luogo Newton Precinct, l'ex vecchio mercato, oggi cuore pulsante della città, anche sul piano culturale. L'area ospita il Museum Africa, in onore della storia, cultura e tradizioni sudafricane, la Bus Factory, centro del design e artigianato e il Market Theatre, Museo della Scienza e della Tecnologia. Appena fuori dal centro meritano senz'altro una visita anche gli splendidi quartieri residenziali di Parktown, con ampie aree verdi, lo Zoo Lake e l'Houghton, in cui  si trova la villa di Nelson Mandela. Il quartiere Melville offre invece un'ampia scelta di ristorantini, locali con musica dal vivo, caffè all’aperto e piacevoli isole pedonali in cui passare deliziose ore di relax. La stessa cosa vale per Rockey Street e Hillbrow, aree eclettiche e multirazziali.

Ma Johannesburg è anche nei suoi sobborghi più nascosti e non meno reali, come il noto Soweto, cuore della lotta all'Apartheid. Quartieri sicuramente poveri, ma ricchi di storia, che chi volesse può ripercorrere facendo visita all'Apartheid Museum, a Gold Reef City. Sempre per rimanere in tema di contraddizioni, la parte nord della città, in particolare la zona di Sandton, mostra un panorama nettamente diverso, con i suoi numerosi hotel, locali e centri commerciali che ne fanno un'area molto frequentata dai turisti.

Johannesburg ha un vero culto per lo sport, non a caso ospita alcuni tra i più importanti stadi al mondo e anche le strutture sportive sono di altissimo livello. La città è inoltre disseminata di gioiellerie di qualità eccelsa a prezzi contenuti, grazie all'abbondanza delle materie prime come oro, platino e pietre preziose.

Forse, al di là di tutto, un viaggio in Sud Africa e in questa città ferita può anche rappresentare un tentativo e un'occasione per comprendere maggiormente la storia di contrapposizioni e le opposte ragioni della sua gente che, a tutt'oggi e tra mille difficoltà, cerca ancora una via verso l'integrazione.


08/08/2013 09:00:00
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus