Papua Nuova Guinea - Tra i luoghi piu' nascosti e inaccessibili del mondo

 

Di Laura Tirloni - Papua Nuova Guinea, terra sperduta, selvaggia e incontaminata, ancora lontana dai grandi circuiti turistici. Fa parte dei luoghi più nascosti e inaccessibili del mondo, dove esistono ancora zone inesplorate. Chi decide di affrontare un viaggio in queste lande sperdute deve mettere in conto strutture turistiche ricettive piuttosto modeste e prezzi piuttosto alti. Ma sarà ampiamente ripagato da scenari ed incontri indimenticabili. Papua è in grado di offrire un'esperienza unica a contatto con alcune tra le popolazioni più "primitive" del pianeta. Mount Hagen è un perfetto punto di partenza per un faccia a faccia con il popolo degli Huli, riconoscibile per i caratteristici volti decorati da pigmenti naturali e parrucche realizzate con foglie, fiori e piume di uccelli.

In quest'area vivono anche gli Asaro, gli uomini di fango, perché il loro corpo viene ricoperto con la fanghiglia del fiume. A Wewak, nel cuore della giungla e lungo i fiumi, si trovano le case degli spiriti. Si tratta di luoghi sacri che custodiscono maschere e totem e dove la gente della comunità è solita radunarsi per discutere i problemi del villaggio. Consigliabile percorrere il fiume Sepik, il più importante della Nuova Guinea, a bordo di canoe, raggiungendo sperduti villaggi a contatto con la gente che li abita. Come a Palimbe, da dove partono quasi tutte le escursioni in barca. Le tribù che vivono su palafitte lungo il Sepik affascinano da sempre gli antropologi per le loro peculiarità razziali, culturali e linguistiche.

Il Paese è una meta molto apprezzata anche per gli splendidi fondali e la barriera corallina perfettamente intatta: un vero paradiso per le immersioni. A solo un’ora di volo dalla capitale Port Moresby, si può raggiungere Rabaul e visitare lo splendido museo navale sommerso con 140 relitti, tutti da esplorare. Consigliamo una veloce tappa nella capitale, dall'aria un po' malfamata, per una visita al Parlamento, al mercato di Gordons e al National Museum and Art Gallery, per entrare in contatto con la storia e la cultura della Papua Nuova Guinea. Dalla capitale si possono poi raggiungere spiagge meravigliose e siti naturalistici di rara bellezza come le cascate di Rouna e il Varirata National Park, ideale per gli amanti del trekking. Durante il vostro viaggio non incontrerete molti turisti e dovrete lasciare da parte le comodità, ma vi sentirete dei veri esploratori.


 


 


16/01/2014
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus