Burj al-ʿArab - A Dubai l'albergo piu' lussuoso del mondo

 

Di Laura Tirloni - Burj al-ʿArab ("Torre degli Arabi") con le sue 7 stelle, di cui 5 riconosciute, è uno degli alberghi più lussuosi al mondo. Affacciato sulla splendida Jumeirah Beach, a sud di Dubai, è collocato su un'isolotto artificiale, collegato alla terraferma da un ponte di 280 m. E' riconoscibile per la sua particolare forma "a vela". La sua costruzione è iniziata nel 1994 e terminata cinque anni dopo, per la bellezza di 650 milioni di dollari.

Con i suoi 321 metri di altezza, si colloca al 48º posto nella classifica degli edifici più alti del mondo, ma al secondo posto tra gli alberghi più svettanti, dopo il Rose Tower, anch'esso di Dubai. Grazie alla sua altezza è diventato una meta prediletta per gli appassionati di deltaplano a caccia di emozioni forti, che vi si lanciano in volo, in una cornice unica al mondo. L'hotel ospita 202 suite, da un minimo di 170 m² fino ad un massimo di 780 m², completamente vetrate e dotate di maxi schermo al plasma, computer portatile, letto extra large, strepitosa vista mare e trasferimento rigorosamente in limousine, dall'aeroporto di Dubai.

I prezzi non sono per tutte le tasche com'è facile intuire. Si parte da un minimo di 600 euro a notte, per l'accomodation più “spartana”, fino ad arrivare a 9000, per la royal suite. All'interno, anche una boutique di lusso e ben tre ristoranti, di cui uno sott'acqua ed un altro posto all'ultimo piano, con panoramica a 360 gradi sul golfo di Dubai. Nel febbraio 2005, a scopo pubblicitario, l'hotel ha ospitato un particolare match amichevole tra i campioni di tennis Andre Agassi e Roger Federer, nel campo allestito per l'occasione sulla piattaforma dell'eliporto dell'albergo, a ben 211 metri sopra il livello dal mare.

Per molti un soggiorno in questo gioiello architettonico futuristico rappresenta solo un sogno, per pochi altri, una realtà. Ma come ben sappiamo, i sogni aiutano a vivere meglio, quindi via libera a ogni forma di fantasia e buon viaggio!

 


01/02/2014 09:00:00
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus