Krk - In viaggio attraverso la maggiore isola croata

 

Di Laura Tirloni - L'isola di Krk, posta all’estremità settentrionale dell’Adriatico, è una meta ideale per una vacanza a tutto Mediterraneo e relax. Negli anni 80’, con la costruzione dell'imponente Ponte di Krk (220 metri di lunghezza), la maggiore isola croata è stata collega alla terraferma e la sua maggiore accessibilità ha favorito lo sviluppo turistico. Un luogo da visitare e da godersi per le sue magnifiche insenature e spiagge su cui sventola Bandiera blu, a riprova dell'attenzione isolana alla tutela dell'ambiente. Circondata da una ventina tra isolotti, scogli e secche che insieme creano uno scenario unico per bellezza. Una Terra interessante anche per entrare in contatto con il patrimonio storico e culturale del Paese attraverso la visita alle pittoresche cittadine di Vrbnik, Baska, Punat, Malinka, Silo, Omisalj, Nijvice e Krk.

Raggiungendola da Fiume s'intravvede una terra brulla e rossa. L'interno dell'isola è invece ricco di boschi, uliveti, vigneti e alberi da frutta. Il principale polo dell'isola è rappresentato dall'omonima cittadina, con un vivace centro storico, piacevole da scoprire a piedi nelle sere d'estate. Dalla bella Piazza Grande, che in realtà è piccolissima, si diramano le vie di Algarottia e Krizanica, che conducono alla parte alta della città, dove si trovano due monasteri. Da visitare anche la Chiesa romanica di San Quirino e la Cattedrale di Santa Maria Assunta. La via principale di Strossmayer offre invece negozi, gelaterie, ristoranti e gallerie d'arte.

Punat è un noto centro turistico soprattutto per la sua grande baia e la marina, ben conosciuta dagli amanti di nautica. Di fronte, l'isolotto di Cassione, con la sua meravigliosa riserva naturale e il convento francescano che ospita un'importante collezione di manoscritti in lingua glagolitica. Da qui è d'obbligo una deviazione verso Stara Baska, per godersi paesaggi mozzafiato. Proseguendo verso la costa s'incontra Baska, luogo storico di straordinaria importanza, con le sue numerose spiagge che giustificano appieno l'ottima fama turistica dell'isola.

Se siete in cerca di una spiaggia davvero particolare, puntate verso Šilo, con le sue calette di ciottolato in una delle quali si trova il relitto di "Peltastis", una nave affondata che è meta d'obbligo per gli amanti di subacquea. Poco distante, Klimno, le cui spiagge sono costituite da un terriccio che molti usano per fare massaggi e fanghi a scopo terapeutico. La ciliegina sulla torta saranno gli ottimi piatti di mare, con pesce fresco, gamberi, scampi e frutti di mare accompagnati da un buon bicchiere di Vrbnicka Zlahtina, un ottimo bianco secco, a coronare questa vacanza all'insegna di sole, mare e storia.


 


12/05/2014 09:00:00
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus