La storia della coppia tedesca che viaggia per 26 anni a bordo di un Mercedes

 

 


 

Di Laura Tirloni
 

Siamo nel 1988, prima della caduta del muro di Berlino, quando Gunther Holtorf e sua moglie Christine decidono di partire per un viaggio su strada di 18 mesi, in Africa. Ma con il passare del tempo, i mesi diventano anni e il viaggio si trasforma nella loro stessa vita, proseguendo per ben 26 anni (con brevi periodi di pausa), toccando 177 paesi, percorrendo 900 mila chilometri, a bordo di una fedele Mercedes-Benz G-Wagen.

Un'esperienza unica, viene proprio da dire, mossa solo dal profondo amore per la scoperta, senza dunque sponsorizzazioni o pubblicità, ma per il semplice piacere del viaggio.


Per circa 26 anni la coppia ha vissuto all'interno della propria auto, guidando nelle situazioni più disparate e incredibili, attraverso i sei continenti. La fidata Mercedes ha accompagnato Gunther e Christine in luoghi unici, dal Sahara, ai villaggi rurali del Kenya, nelle romantiche capitali europee e fra gli antichi templi buddisti, attraverso le zone di guerra in Iraq e persino nella proibita Corea del Nord.

 

La notte la coppia dormiva su delle amache o nel proprio veicolo, mentre i pasti venivano preparati con un fornellino a gas. Come doccia, una spartana bottiglia d’acqua agganciata fuori dalla vettura. Per 26 anni, niente lussi, orpelli o comodità, ma solo il viaggio e la scoperta, così come Gunther la descrive: “Più viaggi, più ti rendi conto di quanto poco hai visto. E più si vede e si sperimenta, più si vuole continuare a vedere e a continuare a vivere“.


La moglie Christine è scomparsa nel 2010, ma Gunther non si è fermato neanche questa volta e ha continuato a viaggiare anche per lei.

Oggi che ha compiuto 76 anni, l'uomo ha deciso di fermarsi, tornando ad abitare nella sua casa di Berlino. La sua fedele Mercedes Benz, che ha retto i colpi di una vita on the road tanto avventurosa, finalmente è stata messa a riposo nel museo Mercedes di Stoccarda.


Una romantica storia d'amore in giro per il mondo. Un'esperienza di vita unica. Chi non vorrebbe viverla?


11/03/2015
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus