Ras Al Khaimah - L'emirato emergente family friendly, per una vacanza nel lusso 'low cost'

 

 

 

 

Di Laura Tirloni -

 

 

Al turista attento e curioso non può di sicuro passare inosservata un'altra bellezza degli emirati arabi Uniti che in questi anni sta cercando di affermarsi. Non c'è solo la sfarzosa ed eccentrica Dubai, infatti, ma un'altra realtà affacciata sul Golfo Persico si sta facendo strada: stiamo parlando della località di Ras Al Khaimah, una meta ideale per gli appassionati di mare, sport acquatici e cultura.

 

Distante solo 45 km da Dubai, a un'ora di macchina dalla grande diva, questo piccolo paradiso, ancora poco conosciuto, offre spiagge incontaminate, dune di sabbia e splendidi fondali marini, che si alternano a verdeggianti pianure e ad alte montagne. Un luogo autentico, non ancora contaminato dal turismo di massa, tutto da scoprire e soprattutto, a costi decisamente più accessibili.

 

 

Anche per chi è alla ricerca di arte e cultura, l'emirato di Ras Al Khaimah non delude, grazie al suo prestigioso patrimonio che risale a 5.000 anni fa, quando costituiva un importante polo commerciale e uno strategico crocevia marittimo, conteso dai popoli arabi, ma anche portoghesi, olandesi e britannici.



Sul luogo si possono infatti visitare importanti siti storici, fortezze e villaggi fantasma, ma anche musei come il maestoso National Museum of Ras Al Khaimah, costruito a metà del '700, dove ammirare ornamenti antichi rinvenuti nell'emirato.

 

Da non perdere anche i variopinti suk, con le bancarelle di prodotti tradizionali, spezie, dolci tipici, datteri freschi e gli immancabili profumi inebrianti.



Vi siete lasciati catturare dall'idea di un viaggio nel lusso low cost formato famiglia a Ras Al Khaimah, in hotel 5 stelle, con Spa, piscine, spiagge, ottimi ristoranti, kids club, bimbi gratis fino a 6 anni e prezzi fino al 30% inferiori rispetto a Dubai? Allora potrete trovare maggiori informazioni sulla ricettività, i locali e gli eventi sul sito ufficiale www.rasalkhaimahtourism.com. Buon viaggio!



22/04/2015
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus