E' l'Albania la meta estiva top del 2016

 

 

Di Laura Tirloni

 

 

Spiagge incontaminate, splendidi fondali, ottimo cibo e soggiorni low cost.

Stiamo parlando dell'Albania, che da Paese grigio si sta facendo sempre più strada tra le mete del turismo europeo, affermandosi come località estiva top del 2016.

A un passo dall'Italia, con strutture ricettive e servizi sempre più competitivi, il Paese delle aquile si è aggiudicato la fama di destinazione estiva del momento.


 

E chi l’avrebbe mai detto che l’Albania sarebbe stata in grado di rinascere dalle sue ceneri divenendo il Paese dinamico, giovane, creativo e dalla natura intatta che è adesso?

 

Dal 2011 quando fu eletta destinazione dell’anno dalla Lonely Planet, le cose sono molto cambiate: acque cristalline, montagne a picco sul mare, natura incontaminata, località rilassanti e poco affollate, buon cibo e ad un ottimo prezzo, soggiorni competitivi.

 


Una meta alternativa e tutta da scoprire dunque, con le sue belle spiagge come quelle di
Karaburun, Dhërmi, Himara, Porto Palermo, Borsh e Ksamil, dalle acque limpide e cristalline.

 

Da non perdere anche una visita al Parco Nazionale di Butrinto, tra i più bei parchi archeologici dei Balcani, patrimonio dell’umanità Unesco, che vi condurrà alla scoperta dell’antica storia di questo splendido paese ancora poco conosciuto.


 

Dall'Italia, l'Albania può essere facilmente raggiunta in traghetto da Trieste, Ancona, Brindisi e Bari, raggiungendo i porti di Durazzo e Valona.


 

Oppure in aereo, raggiungendo l'aeroporto internazionale di Tirana con la compagnia Blue Panorama.

In alternativa, è possibile atterrare a Corfù, con voli low cost dall’Italia, e da qui raggiungere la costa albanese in traghetto.


 


Una volta giunti alla meta, è consigliabile noleggiare u
n’auto e concedersi un piacevole 'on the road' tra le città di Valona e Saranda, tra le quali si estende la splendida riviera albanese. Il panorama circostante vale da solo il viaggio.


13/06/2016
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus