In Toscana un paradiso termale e tutto offerto dalla natura

 

 

Di Laura Tirloni

 

 

La Toscana e' ricca di sorgenti termali di acqua calda, conosciute sin dai tempi degli Etruschi e dei Romani e utilizzate per scopi terapeutici.

 

Oggi vi vogliamo parlare di una sorgente termale ancora poco conosciuta, soprattutto dal turismo straniero, ma di una bellezza più unica che rara: le terme di San Filippo.

 

Appena fuori dal paese di Bagni San Filippo, infatti, nella splendida cornice della Val d'Orcia, sui pendii orientali del Monte Amiata (30 minuti dal confine laziale e due ore da Firenze) si incontrano strane formazioni calcaree, cascate e piccole piscine di acqua calda circondate da una natura rigogliosa.

 

Incamminandosi lungo il sentiero nel bosco, si raggiungono delle impressionanti formazioni di calcio e delle cascate soprannominate "Balena Bianca", in cui l'acqua calda delle sorgenti termali si incontra con quella fredda del fiume, conferendole un colore bianco-blu che contrasta nettamente con il verde intenso del bosco, creando un effetto davvero suggestivo.

 


 

 

E' possibile camminarvi sopra, ma occorre fare attenzione perché l'acqua che sgorga dal terreno circostante ha una temperatura di circa 48°C e ciò permette di fare il bagno sia d'estate che d'inverno.

 

 

Sul fondo, inoltre, si trova un ricco deposito di fango termale, ottimo per maschere su tutto il corpo. Non resta che sedersi e provare il più naturale dei trattamenti benessere che possa esistere e tutto offerto dalla natura!

 

Proseguendo ancora a piedi lungo il sentiero, si raggiungono le altre piscine che costituiscono il Fosso Bianco, dove potersi sedere e rilassarsi nella quiete della natura.

 

Considerate che lo zolfo delle terme conferisce un odore un po' particolare alle acque, per cui può valer comunque la pena usufruire dei vicini servizi della spa per una doccia rinfrescante prima del pranzo o della cena, se intendete fermarvi.

 

In città vi sono due ottimi ristoranti ed una pizzeria, tutti con piatti locali e specialità del giorno.


 


14/10/2016
Autore: Laura Tirloni

comments powered by Disqus