Zermatt:un paese d'incanto nelle Alpi svizzere



La confederazione elvetica vanta città importanti e paesi ridenti molti dei quali sono incuneati nelle Alpi.
Mete di turismo, alpinismo e sci in tutte le stagioni sono un richiamo importante per visitatori provenienti da tutte le parti del mondo.
L’Italia gode della vicinanza di questo paese e per questo motivo vi è durante l’anno un flusso continuo di persone che si recano in questo paese non appartenente all’Unione Europea.
Uno dei paesi alpini di incanto e centro di grande attrazione è Zermatt, raggiungibile soltanto con ferrovia considerata la più ripida del mondo che scorre sull’orlo di precipizi vertiginosi.
A Zermatt non circolano automobili e si gode una calma perfetta. :un calesse trainato da cavalli o una vetturetta elettrica ti condurrà all'albergo risalendo la via principale .
Nell'Ottocento Zermatt era un modesto villaggio di montagna, costituito da case arse dal sole e da rimesse di legna accatastata. Con Chamonix, a partire dagli anni '40 dell'Ottocento divenne in seguito la capitale dell'alpinismo nascente, praticato essenzialmente dagli Inglesi. I montanari cacciatori di camosci si convertirono allora in guide alpine.
Il comprensorio sciistico di Zermatt, a cavallo sulla Svizzera e l'Italia, consente di attraversare e di ammirare paesaggi di sogno e offre globalmente dei tracciati facili e accessibili a tutti. E naturalmente piste adatte soltanto per provetti sciatori.
Una bella escursione è quella che da Zermatt, salendo a bordo del trenino, porta a Gornergrat (un treno ogni 20 min, 1 ora e 40 andata e ritorno),che ospita anche un osservatorio. Costruita un secolo fa, questa prima ferrovia a cremagliera (ideata per i pendii molto ripidi) è la più alta d'Europa. Si può scendere dal treno a Riffelberg (2.582 m) o Rotenboden (2.815 m) per ammirare le vedute grandiose sui mari di ghiaccio che circondano il Cervino e raggiungere Zermatt a piedi da Riffelberg (2 ore di discesa su 950 m di dislivello.
 

01/10/2010 09:00:00
Autore: Cesare Albanesi

comments powered by Disqus