Vacanze Studio 2011. Online il nuovo catalogo Master Studio

Pubblicato sul sito masterstudio.it il nuovo catalogo 2011 della Master Studio per le vacanze studio dedicate ai ragazzi dai 9 ai 19 anni - Il catalogo raccoglie le migliori proposte per i ragazzi che vogliono svolgere un periodo di vacanza e di studio all'estero, per imparare una lingua straniera.
Il catalogo è online sul sito www.masterstudio.it dove è anche possibile scaricare una comoda versione in formato .pdf.

Le novità presentate per il 2011 sono:

Nuove destinazioni e nuovi Centri Vacanze Studio?.
Nel catalogo di quest'anno infatti sono presenti 59 località e 89 centri studio diversi dove recarsi per una vacanza studio e diverse possibilità di alloggio, dal college alla famiglia, dal residence all'hotel;

Master Exclusive – Centri Vacanze Studio di Eccellenza.
Nel catalogo trova posto anche l’offerta di centri selezionati a Cambridge e York nel Regno Unito e New York negli USA, con programmi didattici e di attività esclusivi e particolari;

Esame Trinity incluso?.
Nell'offerta del nuovo catalogo 2011 in alcuni dei Centri Vacanze Studio in Inghilterra e Scozia è incluso il Trinity, uno degli esami maggiormente riconosciuti a livello internazionale.

La Master Studio conferma anche quest'anno una proposta didattica di alta qualità e la consueta affidabilità nella scelta dei Centri Vacanze Studio.
Tutti i centri, infatti, sono stati accuratamente scelti e controllati dai responsabili Master Studio, ed offrono una serie di servizi di alto livello e di assoluta garanzia.

La Master Studio, uno dei tour operator italiani leader nell'organizzazione di vacanze studio ecorsi di lingua all'estero per adulti, da anni opera per favorire l’apprendimento delle lingue straniere all’estero, convinta che, il modo migliore per approfondire e completare la conoscenza di una lingua straniera, sia quello di soggiornare nel paese in cui questa viene parlata.

Nicola Montani (http://www.gazoweb.com)


27/11/2010 09:00:00
Autore: Comunicato stampa

comments powered by Disqus