Nizza e la Bibbia di Chagall




In un precedente articolo abbiamo già parlato di Nizza, di questa incantevole città sulla Costa Azzurra, patria di Giuseppe Garibaldi  “il nizzardo per antonomasia”http://curiosareconfantasia.blogspot.com/2010/08/nizza-citta-dincanto-punto-di-incontro.html
Nizza tuttavia non è solo importante per la storia, e per i suoi incantevoli paesaggi e per l’avenue des anglais; è importante anche per l’arte. Infatti molti musei sono da visitare  come quelli di Matisse e Chagall
Eccezionale soprattutto è il muso Chagall, il pittore bielorusso di famiglia ebraica che visse nella vicina Saint Paul de Vence dal 1950 fino alla sua morte e che ha lasciato opere stupende in cui è sempre presente lo spirito ebraico.
Il Musée Marc Chagall di Nizza è stato costruito nel 1972 per ospitare il Ciclo del Messaggio Biblico, una serie di 17 gigantesche tele  ispirate
.
Il museo, strutturato personalmente dall’artista, contiene la più importante collezione permanente di opere di Chagall (1887-1985) mai riunita. Tutte le tele ma anche i mosaici, le vetrate, gli acquerelli e le incisioni) sono d’ispirazione biblica.

I dipinti sono  dedicati alla Genesi, l’Esodo ed il Cantico dei Cantici e furono donati  dal pittore e da sua moglie Valentina allo stato francese  nel 1966,
. Altre composizioni evocano la creazione, il paradiso terrestre, il diluvio, il cantico dei cantici, ecc… Un arazzo (La Creazione), un mosaico esterno e tre grandi vetrate completano questa presentazione.
La Bibbia di Chagall è colori, narrazione, stupore, gioia e sgomento. E' strazio e ironia,. Litografie, schizzi e tele incantano letteralmente il visitatore negli occhi e nel cuore

30/12/2010 09:00:00
Autore: Cesare Albanesi

comments powered by Disqus