L' Italia dei paesi dipinti: Marchirolo

Molte regioni d’Italia celano al loro interno piccole e grandi gallerie di dipinti a cielo aperto. E’ il caso di Marchirolo, paese vicinissimo al confine italo-svizzero e a Lugano. Per arrivarci, provenendo da Varese, si segue la direzione verso Induno Olona, dove si incontra una fabbrica di birra in stile lberty, vera e propria testimonianza di archeologia industriale. Si passa poi nei pressi delle grotte di Valganna, con la famosa cascata Pisabò  che a basse temperature si ghiaccia, attirando molti turisti. Al termine della Valganna, in direzione di Ponte Tresa e del confine svizzero si entra nella Valmarchirolo con l’omonimo abitato, famosa meta turistica dalla fine del 19° secolo, come testimoniano le tante ville liberty ancora presenti, fino al dopoguerra. Varcando il confine svizzero, da cui Marchirolo dista solo 5  km, si giunge al Lago di Lugano o ugualmente detto Ceresio. Proprio la vicinanza del confine con la Svizzera ha ispirato una serie di affreschi murali che hanno per soggetto il lavoro degli italiani all’estero, non solo in Svizzera, ma anche verso altri paesi ad esempio la Romania, dove in passato emigrarono alcuni abitanti di Marchirolo per svolgere attività edili.  Si tratta di una ventina di murales, gran parte della quale è stata realizzata nel centro storico del paese, che vogliono dare un messaggio sociale, oltre che artistico e  hanno come tema centrale l’emigrazione, rappresentandone le storie e le tematiche.  Gli affreschi sono stati eseguiti da famosi pittori contemporanei, tra i quali Jonescu, Delfitto, Galliani e Treccani. Per particolari condizioni morfologiche, l’area della Valganna e Valmarchirolo sono note per le temperature invernali basse, con abbondanza di neve e dal clima fresco, molto apprezzato nei mesi più caldi. La vicinanza del Lago di Lugano permette, inoltre, di concedersi una bella crociera, anche serale, oppure di godersi il panorama passando il confine italo-svizzero a bordo del trenino Ponte Tresa-Lugano.


25/02/2011 09:00:00
Autore: Luciana Cattaneo

comments powered by Disqus