Barcellona e Antoni Guadi', un binomio inseparabile

Barcellona, una splendida città che racchiude in se segreti e misteri del passato e Antoni Guadì il famoso architetto che dedicò quaranta anni della sua vita a costruire e abbellire una delle opere più imponenti della storia ecclesiastica, inserita fra le meraviglie del mondo, l’ottava per la precisione, la Sagrada Familia. La prima pietra è posata nel 1882 e solo l’anno dopo subentrerà Antoni, egli vivrà per completare l’opera, ma, purtroppo non ci riuscirà. Ancora oggi questa chiesa famosa in tutto il mondo è in fase di costruzione postuma, seguendo i progetti di Guadì. Varrebbe la pena di recarsi a Barcellona anche solo per vivere l’emozione di contemplare la chiesa, inoltrarsi fra le ricche mura fresche, che irradiano pace e serenità, portando gioia e conforto a chiunque crede, ma anche agli scettici.

Barcellona non è solo questo, pur rappresentando un’icona della modernità lascia scorgere edifici classici perfettamente armonizzati  con il moderno, è il simbolo di ere diverse che convivono quasi in simbiosi…

Parchi, fontane a cascata, piazze e ampi spazi, non danno l’idea di essere in una metropoli, ogni quartiere è come una piccola cittadina di provincia, si respira l’aria di un ambiente raffinato ma alla portata di tutti.

Da non perdere assolutamente lo shopping nelle arterie principali, il Passeig de Gracia è un enorme viale che ospita giganteschi palazzi in puro stile moderno all’interno dei quali si trovano negozi che ospitano le migliori griffe internazionali.

Per i più piccoli il parco d’attrazione del Tibidabo è un vero mondo delle meraviglie, così come lo zoo che ospita un delfinario e persino delle balenottere.
I mercati della città, aperti tutti i giorni, espongono ogni varietà di merce esistente, sembra impossibile ma è così.

Per le spiagge migliori c’è da percorrere qualche chilometro, all’arrivo resterete incantati dalla finissima sabbia bianca mista a quella dorata che creano un contrasto stupefacente con l’intenso blu delle acque del mediterraneo.

Evitate la zona chiamata Rambla, facilmente ne uscireste “scottati”, è un quartiere pittoresco ma malfamato, se proprio volete visitarlo, fatevi accompagnare da una guida di fiducia.

Prenotate una gita in battello e infine ristoratevi in un locale come il “mare nostrum” dove gusterete le più raffinate specialità a base di pesce.

(NB: Immagine con licenza creative commons tratta da: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Sagradafamilia-overview.jpg)

 

 


12/06/2012 09:00:00
Autore: Nicolina Leone

comments powered by Disqus