Il fascino dell'Andalusia

A sud della penisola Iberica troviamo l’Andalusia che comprende otto province, fra cui la famosa Malaga nota soprattutto per le sue spiagge. Gli 800 km di costa offrono paesaggi disomogenei, rendendo questa zona turistica molto singolare.

La zona di Torcal de Antequera è costituita da formazioni rocciose di natura carsica, proseguendo si possono incontrare molti parchi naturali fra cui quello di Grazalema che altri non è che un grandissimo bosco di pini, mentre il parco Los Alcornocales detiene il primato di essere l’unico parco esistente con un’immensa distesa di alberi da sughero.

La cura è la devozione con cui il governo mantiene pulito l’ambiente in generale, ha fatto dell’Andalusia uno dei centri turistici di maggior richiamo nel mondo.

Cordova, Granada, Siviglia e Jean sono iscritte come patrimonio naturale dell’umanità. Poiché esse conservano le vestigia dei popoli che da lì sono passati, troverete testimonianze Puniche, Romane e soprattutto Musulmane.

Non dimentichiamo però le testimonianze del periodo Cristiano e soprattutto la Cattedrale di Siviglia.

Resterete stupiti dal clima e dalla lunghezza delle giornate, le ore di sole sono maggiori di quelle notturne, ciò, invece di rendere il popolo stanco infastidito, sembra dargli una carica maggiore.

Gli Andalusiani sono sempre allegri è molto festaioli, anche nelle attività comuni come i mercatini rionali troverete sempre commercianti sorridenti e felici di mostrarvi la loro mercanzia.

La vita notturna è uno dei punti forti della zona, confinanti con le spiagge si snodano discoteche, pub, sale dal gioco, ristoranti e bar che hanno qualsiasi cosa cerchiate, questi locali sono aperti per gran parte della notte, e solo all’alba i turisti modaioli si ritirano negli hotel per riposare.

I collegamenti sono ottimi, ci sono in tutto quattro aeroporti e le linee ferroviarie ad alta velocità consentono spostamenti veloci da una città all’altra.

Essa è la capitale del flamenco, delle tapas e di un sogno sensuale che sembra non avere mai fine.

Assolutamente da non perdere, una visita alla città di Ronda la cui particolarità è, di essere costruita su un dirupo profondo 120 metri, ed essere attraversata da un fiume, il Guadalalevin, che la divide in due parti, da un lato troviamo la città vecchia, antica, con i suoi monumenti storici compresa una moschea Araba, dall’altra parte c’è la città nuova tutta bianca e linda, ma anche qui non mancano le vestigia del passato.

Non dimenticate dunque, di inserire la penisola Iberica nel vostro itinerario turistico.

 


25/07/2012 09:00:00
Autore: Nicolina Leone

comments powered by Disqus