Ostuni, un suggestivo angolo del passato

OstuniDire Ostuni è dire storia, medioevo, scoperta, mistero, vacanza. Si tratta di uno dei più bei borghi storici italiani che svetta dai suoi 218 metri d’altezza, immerso nella meraviglia di oliveti, colli e profumi pugliesi.

Fin dalla prima occhiata, chi sceglie Ostuni come meta per la propria vacanza, si rende conto di essere inciampato in un suggestivo angolo nel quale il passato vive. Non è un caso se la località dia ospitalità a numerosi hotel: ce ne sono davvero per tutte le tasche e per i più giovani o per i turisti indipendenti che amano i viaggi low cost non mancano nemmeno intimi b&b, che a prezzi economici offrono belle stanze e gustose prime colazioni.

OstuniIl borgo si visita facilmente in un intenso week end e non appena posate le valige il tour potrà prendere avvio direttamente dalla Cattedrale costruita durante la seconda metà del 1400. Ricca di dettagli, con il suo profilo ondulato, i suoi rosoni e i suoi intagli, trovarsela davanti senza avere con se una bella macchina fotografica è un vero peccato.

Lasciano sbalorditi anche i ruderi del Castello, in buona parte demolito e anche il palazzo ducale Zevallos con le sue caratteristiche forme barocche.

Un modo insolito per conoscere Ostuni è anche quello di percorrere la strada panoramica che corre parallela alle antiche mura aragonesi fra le quali ancora spiccano interessanti torrioni, tozzi e possenti.

Fra i pregi di Ostuni da non sottovalutare inoltre c’è la sua vicinanza al mare, e la possibilità, partendo dal borgo, di esplorare una zona ricca e naturalisticamente stimolante.

Durante la stagione estiva inoltre si accende di favolose feste, tradizionali e suggestive: il 27 agosto si potrà ad esempio partecipare alle Cavalcate di Sant’Oronzo, patrono cittadino e sempre durante il dolce mese di agosto si festeggia la Sagra dei Vecchi Tempi. Nel quartiere vecchio vengono messe in esposizione e in vendita pietanze tipiche della gastronomia locale e artigianato tipico; nessuna occasione è migliore di questa per conoscere la vera essenza del borgo storico.

 


26/04/2012 09:00:00
Autore: Claudia Zedda

comments powered by Disqus