Parigi a testa in su

Città degli innamorati, città della moda e dell'ottima cucina. Parigi però è molto di più. E' la città delle luci, dell'arte, dove si davano appuntamento grandi artisti di tutte le epoche. Andare a Parigi non è solo un viaggio in una città, ma un viaggio per gli occhi, attraverso strade alberate, splendidi viali, appartamenti dai soffitti alti e bianchissimi. Arrivarci è semplice. Si può decidere di prendere l'aereo o, ancora più comodo per chi abita nell'Italia del nord, il treno, che in poche ore vi farà raggiungere il centro città. Da lì muoversi è semplicissimo grazie alle diverse linee metropolitane che raggiungono i diversi punti di Parigi. Potete scegliere diverse tipologie di tessere, a seconda del numero di giorni che vi trascorrerete e a seconda delle zone di interesse. Parigi è una città dai mille volti. Sono tanti i luoghi conosciuti. Se avete pochi giorni non potete non vedere la famosissima Tour Eiffel, simbolo di Parigi, che potrete visitare salendo con l'ascensore per godere di un panorama splendido sui tetti della città. Se invece avete una vena romantica passate qualche ora nel quartiere di Montmartre, dove potrete camminare in vicoli stretti con strade di ciotoli, dove abitavano gli artisti e i poeti. Anche da qui, salendo fino al Sacro Cuore, avrete una vista su tutta la città. Bellissimo il tramonto, con la Tour Eiffel che si erge davanti a voi. Qui potrete decidere di alloggiare in un hotel davvero unico: l'Hotel Particulier, con solo cinque suites affacciate su un delizioso giardino.

Fate una passeggiata fino alla scalinata immortalata da famosi fotografi e scendete fino a Pigalle. Fatevi ammaliare dal Moulin Rouge, dove potrete assistere ad uno spettacolo indimenticabile che vi porterà in un'altra epoca. Ma Parigi è anche una città da scoprire camminando qua e là, tra parchi e giardini, lungo la Senna leggendo un libro antico comprato sulle bancarelle verdi che animano il fiume. Una vera delizia da gustare da soli o in compagnia.


27/04/2012 09:00:00
Autore: Melania Guarda Ceccoli

comments powered by Disqus