Avventura in Tanzania: un safari per tutti

Quando si parla di safari inevitabilmente si pensa all’Africa, all’avventura, e ai viaggi a contatto con una natura selvaggia, dura e dolce al contempo.

Uscire dai soliti circuiti di viaggio però non è semplice, anche se non impossibile: meno nota che altre mete, forse perché meno raggiunta dal turismo di massa, la Tanzania è un’idea viaggio-safari davvero da non sottovalutare.

Ancora oggi non sono presenti hotel extra lusso, ma la natura supplisce quello che per molti non è un difetto: la Tanzania è un grande e notevole altopiano tutto tappezzato di foresta rada, di savana e di favolosa steppa semidesertica, che a grande sorpresa viene circondato da laghi, ma anche imponenti e suggestive montagne. Per avere un’idea dei particolarismi che si potranno incontrare durante il viaggio in Tanzania ricordiamo che  è proprio in questa favolosa regione che hanno sorgente sia il Nilo che il Congo, per altro visitabili in escursione.

Sempre in escursione ci si potrà lasciar stregare dal favoloso Vittoria, il lago più grande di tutta l’Africa, e dalle vette del Kilimangiaro sempre imbiancate, dotate di un incredibile fascino. Un’escursione naturalistica proprio da non perdere è quella al cratere del Vulcano Ngorongoro, ampio niente meno che 20 km, e se la sete di natura non fosse ancora dissetata si potranno visitare i 14 parchi nazionali della Tanzania, i 3 favolosi parchi marini e le riserve forestali che davvero non si contano.

E durante un safari, naturalmente da organizzare con il supporto di guide preparate, si potrà convivere con rinoceronti, bufali, ma anche elefanti, gnu, gazzelle, zebre e antilopi. Fra le zone che davvero consigliamo di non perdere il Lake Manyara, luogo di incontro di numerosi fiumi che da ospitalità ad una fantomatica vegetazione e variegata fauna, ma anche il Parco di Tarangire, davvero esaltante anche durante la stagione secca, il parco di Serengeti, forse il più conosciuto e il parco di Masai Mara. 


16/05/2012 09:00:00
Autore: Claudia Zedda

comments powered by Disqus