Cala Saona: spiaggia bianca, acque turchesi e aperitivo in riva al mare

Sulla costa occidentale della piccola isola di Formentera è situata la località di Cala Saona con l’omonima spiaggia, considerata una delle più belle e frequentate dell’isola. Nonostante sia lunga solo 200 mt e larga 150, la spiaggia di Cala Saona è molto apprezzata per la sabbia finissima, il mare calmo e cristallino, il paesaggio circostante e la presenza di strutture ricettive.

Posta all’interno di una piccola baia, con le rocce rossastre che le fanno da cornice e una folta pineta, è una delle spiagge più conosciute di Formentera e quindi, molto affollata in alta stagione, ma più tranquilla in maggio e ottobre, mesi che si prestano ugualmente a visitarla. Le acque limpide sono ideali per lo snorkeling e le immersioni subacquee, inoltre, la possibilità di noleggiare una barca permette di apprezzare ancora di più il mare sorprendentemente trasparente.

La presenza della folta macchia di vegetazione consente, grazie a numerosi sentieri, di fare passeggiate rilassanti all’ombra e raggiungere, ad esempio, la vicina Punta Raza con le sue scogliere. La spiaggia si presta molto bene anche per il rituale spettacolo del tramonto sul mare, quando la luce fa risaltare il rosso delle rocce e le acque turchesi.

Immancabile, a questo punto, un altro tipico rito di Formentera, l’aperitivo presso un  tipico “chiringuito”. Fanno da  sfondo a Cala Saona, le colline di Ibiza, comodamente raggiungibile in soli 30 minuti, utilizzando il servizio di navigazione che collega le due isole con corse frequenti. Da Ibiza arrivano in molti a Cala Saona, per partecipare alla grande festa di S. Giacomo il 25 luglio, accompagnata da musica e balli.

Vedi anche:
» Formentera
» Platja de Migjorn a Formentera
» Espalmador: la perla di Formentera
» La Playa de Les Illetes a Formentera
» La spiaggia di Ses Platgetes a Formentera
» Platja de Llevant a Formentera
» S'Arenal: la spiaggia delle conchiglie
» Es Calo Beach a Formentera
» Cavall d'en Borras

 


19/04/2011 09:00:00
Autore: Luciana Cattaneo

comments powered by Disqus