Isole Baleari: le perle del Mediterraneo tra l 'Africa e la Spagna

Ambita meta turistica nota in tutto il mondo, l’arcipelago delle Baleari si estende davanti alla costa orientale spagnola di Azahar, a una distanza di 150 – 300 km, a seconda delle isole che ne fanno parte. Le isole maggiori e più distanti dalla costa sono Maiorca, con la capitale Palma e Minorca, mentre Ibiza e Formentera sono le più interne. Anche se le bellissime spiagge e il mare cristallino sono la costante di tutte e quattro le isole principali, ognuna di esse si caratterizza in modo particolare.

Ibiza è senza dubbio la più famosa per l’atmosfera vivace e la movimentata vita notturna,  garantita dai numerosi locali e dalle discoteche presenti sull’isola, dove la musica fa da perenne colonna sonora e le feste si susseguono a ritmo continuo. Tuttavia, non mancano angoli più tranquilli lungo le sue ottanta spiagge che offrono anche la possibilità di dedicarsi a belle passeggiate, alla vela e praticare snorkelling, windsurf e immersioni subacquee, lontani dalla confusione.  

Quasi agli antipodi di Ibiza, come stile di vita, ma molto vicina per l’aspetto geografico, Formentera è la meta che attira i turisti in cerca di tranquillità e relax, offerti dalle belle spiagge bianche e dal paesaggio quasi incontaminato,  piuttosto che il divertimento. A Formentera, infatti, non esistono vere e proprie discoteche, ma una serie di caratteristici piccoli bar vicini al mare, chiamati “chiringuitos” molto frequentati dalla sera fino all’alba.

Onde guardo o meu barco ;) - Baia de Pollenca - Palma de MaiorcaMaiorca, l’isola più grande, è quella maggiormente turistica e ricca, con le località che si affacciano sulla baia di Palma, la capitale delle Baleari, come Arenal, Palma Nova e S. Arenal. I grandissimi alberghi e i porti turistici, frequentati da lussuosi yacht, fanno di Maiorca l’isola più esclusiva dell’arcipelago che, tuttavia, può riservare inaspettate sorprese appena ci si allontana dalle località più frequentate. Si possono ad esempio raggiungere  i paesaggi remoti della Serra de Tramuntana, la catena montuosa a nord dell’isola, con la cima più alta che raggiunge i 1.445 mt  oppure i caratteristici porticcioli di pescatori.

minorcaCompletamente diversa, per il prevalere di coste rocciose, l’aspetto rurale e l’atmosfera un po’ coloniale è l’isola di Minorca, la seconda per grandezza delle Baleari. Il passato di colonia britannica ha lasciato le sue tracce, soprattutto nella città di Mahon, la più importante dell’isola e costruita su una collina che domina la baia con il porto naturale, uno dei maggiori in Europa. Un’altra tradizione importata dalla colonizzazione britannica a Minorca è data dalla produzione di gin che, contrariamente a quello inglese, non è ottenuto dalla distillazione di cereali, ma dalle vinacce, con numerose versioni su cui prevale l’essenza del ginepro. Sull’isola sono, inoltre, presenti diversi siti archeologici, contraddistinti da monumenti megalitici, come le Cuevas di Cala Morell e le torri d’en Galmes.

La piccolissima isola di Cabrera, a sud di Maiorca, con i suoi 18 isolotti, ospita l’omonimo parco marino-terrestre. Raggiungibile in battello, rappresenta una meravigliosa oasi naturale che emerge dal verde intenso del mare trasparente, con le scogliere alternate a spiagge e grotte.  Domina l’isolotto il castello medievale, a cui si arriva per mezzo di un sentiero, da dove ammirare il magnifico panorama sul Mar Mediterraneo.

Baleari Onde Ibiza

Vedi anche:

Minorca
Maiorca
Palma di Maiorca
Ibiza
Formentera


22/04/2011 09:00:00
Autore: Luciana Cattaneo

comments powered by Disqus