Shimoni Island

Shimoni Cottage.Shimoni si trova nel sud est del Kenya, vicino al confine con la Tanzania. Si tratta di un piccolo e tranquillo porto peschereccio che fino a pochi anni fa era del tutto sconosciuto al turismo, recentemente è stato inserito in un'area protetta di conservazione del patrimonio storico e naturale e così il suo nome è divenuto di interesse per le migliaia di vacanzieri che si recano nel paese africano alla ricerca di sole e mare anche in pieno inverno. Da insignificante villaggio a meta turistica? No, non è questa la storia di Shimoni che durante il XVIII e XIX secolo fu un importante scalo dei negrieri dell'Impero britannico che organizzarono proprio qui una sorta prigione per gli africani che erano destinati a imbarcarsi per essere venduti come schiavi in oriente o in Sudafrica.

A dire il vero non si tratta di un carcere vero e proprio, i britannici sfruttarono un sistema di grotte naturali che si trova in zona e con l'accompagnamento di una guida è possibile oggi visitare questi luoghi per rabbrividire ancora una volta di fronte alla crudeltà dell'uomo. Nel 1857 il parlamento inglese proibì il commercio degli schiavi e Shimoni divenne una importante base della Compagnia Britannica dell'Africa Orientale per la sua vicinanza all'isola di Zanzibar.

Furono costruiti molti edifici coloniali che fanno ancora oggi bella mostra e non poteva mancare una prigione dove rinchiudere chi non rispettava le severe leggi vittoriane: fu il primo luogo di detenzione coloniale edificato in Kenya. Nel 1921 il quartier generale della Compagnia si trasferì e Shimoni divenne un anonimo villaggio di pescatori fino a quando non venne riscoperto.

Le attrazioni di Shimoni, oltre ai diversi edifici coloniali, sono date dalla natura. Il terreno sui cui sorge e i dintorni sono costituiti da corallo fossilizzato e tutte le abitazioni sono edificate con quei particolari ciottoli ricavati da queste particolari rocce. Il patrimonio naturalistico dell'area comprende una foresta costiera, costituita soprattutto di mangrovie che assorbono il sale presente nel suolo e lo rendono così coltivabile e una riserva marina nel canale che separa la località da Wasini Island e dove è possibile avvistare i delfini.

Con l'arrivo del turismo Shimoni si è dotata di alcuni locali molto caratteristici, qualche confortevole hotel, si sono aperti dei negozi dove fare un poco di shopping di prodotti artigianali ed è giunta anche la connessione a internet. Guide accompagnano nell'esplorazione della foresta e da qui è impossibile imbarcarsi per raggiungere la vicina Wasini.

Una vacanza a Shimoni significa trascorrere lunghe giornate in spiaggia di fronte a un mare dalle acque cristalline, fare snorkeling o immersioni per ammirare i meravigliosi fondali, dedicarsi alle escursioni nella natura e soprattutto ritrovare la tranquillità e dimenticare lo stress della nostra vita frenetica.


17/01/2013 09:00:00
Autore: A.V.

comments powered by Disqus